Civis: in Sardegna 7500 richieste dal nuovo canale telematico.

17.02.2011 10:08

In Sardegna, ad un anno dall'apertura del servizio Civis, è stata fatta assistenza online per ben 7.500 richieste.

Oggi non è più tempo di code agli sportelli dell'agenzia per coloro che, abilitati a fisconline, desiderino ricevere assistenza sulle comunicazioni di irregolarità e per correggere eventuali errori.
Ormai da un anno, infatti, il servizio telematico Civis consente di risolvere i problemi fiscali via posta elettronica.

Come funziona?
Il canale Civis (che è un acronimo che sta per "Comunicazione di irregolarità virtualizzate per intermediari serviti"), è dedicato ai seguenti soggetti:
1) commercialisti, tributaristi e consulenti abilitati all'uso di Entratel
2) a tutti i contribuenti abilitati al servizio Fisconline

Utilizzando questo canale si può inoltrare la propria domanda, ed a un anno dall'apertura del nuovo servizio l'Agenzia delle Entrate dell'isola ha risposto a 7500 domande.
Il servizio funziona tutti i giorni dalle 7 alle 23, e garantisce realmente un risparmi di tempo e di costi per coloro che ricevono comunicazioni di irregolarità.
 
Il servizio, da quanto riportano gli organi ufficiali dell'agenzia, garantisce tempi di risposta molto brevi, generalmente inferiori alle 24 ore, salvo i casi più complessi in cui si può aspettare qualche giorno.

Cosa fare, dunque, se si riceve una comunicazione di irregolarità? Il contribuente può collegarsi al sito www.agenziaentrate.gov.it nella sezione “Servizi Telematici”, abilitarsi a Fisconline e inoltrare la richiesta di assistenza, che verrà presa in carico da un operatore degli uffici dell’Agenzia.
In alternativa può rivolgersi ad un consulente abilitato, sempre chè lo stesso contribuente sia abilitato al servizio Fisconline.