Determinazione delle plusvalenze derivanti dalla cessione di beni strumentali per contribuenti minimi

27.04.2011 12:01

Determinazione delle plusvalenze derivanti dalla cessione di beni strumentali per i contribuenti minimi


D. Come viene calcolata la plusvalenza determinata dalla cessione di un bene strumentale venduto dal contribuente minimo durante il periodo di applicazione del regime speciale ovvero venduto dopo l’uscita dal regime dei minimi?


R. Il costo del bene strumentale acquistato durante l’applicazione del regime dei minimi è deducibile nell’esercizio in cui è sostenuto per l’intero importo, ai sensi dell’articolo 1, comma 104, della legge finanziaria per il 2008.

Quando lo stesso bene viene venduto, sia durante la permanenza nel regime speciale che successivamente all’uscita dal regime medesimo, la relativa plusvalenza è costituita dall’intero ammontare del corrispettivo percepito.

Per converso, qualora il bene strumentale sia stato acquistato nel corso di un periodo d’imposta anteriore rispetto a quello di applicazione del regime dei minimi, la relativa plusvalenza, sia essa realizzata o meno in un periodo interessato dal regime dei minimi, è costituita, ai sensi dell’articolo 4, comma 2 del decreto ministeriale 2 gennaio 2008, dalla differenza fra il corrispettivo, al netto degli oneri accessori di diretta imputazione, e il costo non ammortizzato, calcolato cioè al netto degli ammortamenti dedotti.

 

 Leggi tutti gli articoli sui contribuenti minimi o poni un quesito pubblico