Limite dei beni strumentali e rilevanza dell’IVA per l'accesso e la permanenza nel regime dei minimi

27.04.2011 11:52

Limite dei beni strumentali e rilevanza dell’IVA


D. Il costo sostenuto per l’acquisto di beni strumentali ai fini dell’ingresso e della permanenza nel regime dei minimi deve essere considerato al netto o al lordo dell’IVA?


R. Ai fini dell’applicazione del regime dei minimi i contribuenti nel triennio solare precedente non devono aver effettuato acquisti di beni strumentali, anche mediante contratti di appalto e di locazione, pure finanziaria, per un ammontare complessivo superiore a 15.000 euro (articolo 1, comma 96, lettera b) della legge finanziaria 2008).


Nell'ammontare degli acquisti, ai sensi dell’articolo 2, comma 4, del D.M. 2 gennaio 2008, si assumono i corrispettivi relativi alle operazioni effettuate ai sensi dell'art. 6 del D.P.R. n. 633 del 1972.


Occorre fare riferimento, dunque, all’ammontare dei corrispettivi degli acquisti che rilevano secondo le ordinarie regole dell’imposta sul valore aggiunto, laddove, nel sistema dell’IVA, i corrispettivi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi costituiscono la base imponibile cui è commisurata l’imposta.


In definitiva, sia in fase di accesso al regime che durante la sua applicazione, il rispetto del limite degli acquisti di beni strumentali di cui alla lettera b) del comma 96, deve essere verificato con riferimento al costo sostenuto al netto dell’imposta sul valore aggiunto, anche se non è stato esercitato il diritto di detrazione (cfr. circolare n. 7/E del 2008, quesito 2.8, lett. b).

 

 Leggi tutti gli articoli sui contribuenti minimi o poni un quesito pubblico