Nuove sanzioni negli istituti deflativi del contenzioso

30.03.2011 10:19

Riduzione dei benefici per il contribuente negli istituti deflativi del contenzioso e accertamento parziale


- La Legge di stabilità 2011 prevede una riduzione degli effetti premiali derivanti dagli istituti deflativi del contenzioso, schematizzata nella seguente tabella:

 

 

ISTITUTO IMPORTI PRECEDENTI NUOVI IMPORTI
Ravvedimento operoso
(art. 13 del DLgs.
472/97),
a seconda della tipologia
di ravvedimento:
1/12 – 1/10 del minimo
a seconda della tipologia
di ravvedimento:
1/10 – 1/8 del minimo
Adesione ai “PVC” (art.
5-bis del DLgs. 218/97) e
l’adesione agli inviti al
contraddittorio (art. 5 co.
1-bis del DLgs. 218/97)
1/8 del minimo 1/6 del minimo
Accertamento con
adesione (artt. 2 e 3 del
DLgs. 218/97)
1/4 del minimo 1/3 del minimo
Acquiescenza (art. 15 del
DLgs. 218/97)
1/4 del minimo 1/3 del minimo
C.d. “acquiescenza
rinforzata” (art. 15 co. 2-
bis del DLgs. 218/97)
1/8 del minimo 1/6 dell’irrogato
Definizione agevolata
delle sanzioni (artt. 16 e
17 del DLgs. 472/97)
1/4 del minimo 1/3 del minimo
Conciliazione giudiziale 1/3 delle sanzioni
irrogabili
40% delle sanzioni
irrogabili in rapporto al
tributo risultante dalla
conciliazione

 

 

 Ricordiamo, infine, che le modifiche riportate nella tabella precedente si applicano, in generale, a partire dall’1.2.2011 mentre per le violazioni commesse e gli atti emanati prima di tale data, restano quindi ferme le disposizioni precedenti.