Data: 29.03.2013

Autore: Admin

Oggetto: R: partita iva altre creazioni artistiche e letterarie 900309 reggime agevolato , fatturazione senza iva.

Secondo noi no.


Le attività lavorative rischiose soggette all'assicurazione inail non sono ben definite.
La legge, nell’individuare le attività rischiose, le suddivide in due grandi gruppi:
- quelle svolte mediante l’uso di macchine, apparecchi o impianti
- ed altre che sono tassativamente elencate.

Nella prima categoria l’obbligo assicurativo è previsto per tutte quelle attività che:
• comportano l’uso di macchine, apparecchi ed impianti a pressione, elettrici e termici
oopure
• siano svolte in laboratori ed ambienti organizzati per lavori e per la produzione di opere e servizi che comportino l’impiego di dette macchine, apparecchi o impianti.

L’obbligo sussiste anche se l’uso di macchine, apparecchi o impianti avviene in via transitoria, per dimostrazione, per esperimento o non è attinente all’attività esercitata e permane indipendentemente dalla grandezza e dalla potenza delle macchine stesse.
Nell’assicurazione sono comprese le lavorazioni complementari e sussidiarie, anche se svolte in locali diversi e separati da quelli in cui si svolge la lavorazione principale.

Nella seconda categoria le stesse attività sono elencate e nel mondo dell'arte e dello spettacolo risulta solo la seguente voce:
Pubblici spettacoli e parchi di divertimento la quale consiste nell'allestimento, prova ed esecuzione di pubblici spettacoli, allestimento o
esercizio di parchi di divertimento, con esclusione delle persone addette ai servizi di sala dei locali cinematografici o teatrali.

Il codice attività da lei citato, ovvero il 90.03.09 "Altre creazioni artistiche e letterarie" prevede le seguenti tipologie di attività:
- attività di artisti individuali quali scultori, pittori, cartonisti, incisori, acquafortisti, aerografista eccetera
- attività di scrittori individuali, che trattano qualsiasi argomento, inclusi gli scrittori di romanzi, di saggi eccetera
- stesura di manuali tecnici
- consulenza per l'allestimento di mostre di opere d'arte

Da una prima lettura si evince che non si rientra nella seconda categoria (definita dalla legge) mentre qualche dubbio può esserci in ordine alla prima categoria in cui si svolge l'attività mediante l'uso di macchine, apparecchi o impianti.
Ma escluderei che le attività appena citate che rientrano nel suo codice attività possano essere soggette all'iscrizione e al pagamento del premio inail.

Nuovo commento