Come rimediare a errori e sanzioni fiscali

In questa sezione troverete tutte le informazioni sugli errori o dimenticanze nella dichiarazione dei redditi, sui ritardi della presentazione della dichiarazione, sulle violazioni formali, sulle dichiarazioni integrative, sui controlli che vengono effettuati dall'agenzia delle entrate e le relative sanzioni tributarie. Articoli su come regolarizzare le comunicazioni,  come evitare gli errori più comuni, come sanare errori o piccole dimenticanze, come comportarsi in caso di ravvedimento operoso e altro ancora. Consultate i vari articoli, divisi per argomento e, nel caso non troviate una fattispecie adatta al vostro caso concreto, potete porre un quesito pubblico dal form in fondo alla pagina. Risponderemo in breve tempo.

Per APPUNTAMENTI a Sassari chiama al 079/3767096 o 3420679148 .

 

Errori e sanzioni

Come rimediare agli errori imu

17.12.2012 10:22
Come rimediare agli errori di versamento dell' imu e agli errori di compilazione del modello f24.   In data 13 Dicembre 2012 il Dipartimento delle finanze ha pubblicato la risoluzione n. 2/D in...

Come rimediare a errori e dimenticanze nella denuncia dei redditi: il ravvedimento operoso

29.04.2011 14:06
Come rimediare a errori e dimenticanze nella denuncia dei redditi Con il “ravvedimento operoso” il contribuente può regolarizzare e correggere omissioni e irregolarità commesse, beneficiando della...

Presentazione della dichiarazione con ritardo superiore a 90 giorni.

29.04.2011 14:14
Presentazione della dichiarazione con ritardo superiore a 90 giorni.   Se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a 90 giorni, la violazione può essere regolarizzata eseguendo...

Violazioni di natura formale: regolarizzazione della dichiarazione per errori e omissioni di dati

29.04.2011 14:16
Violazioni di natura formale: regolarizzazione della dichiarazione per errori e omissioni di dati Quando si parla di violazioni formali bisogna distinguere tra le due seguenti fattispecie: •...

Violazioni di natura sostanziale: errori che incidono sull'imposta da versare

29.04.2011 14:19
Violazioni di natura sostanziale: errori che incidono sull'imposta da versare Gli errori o le omissioni di natura sostanziale relativi alle dichiarazioni dei redditi validamente presentate (comprese...

Tardiva trasmissione delle dichiarazioni da parte degli intermediari

29.04.2011 14:26
Tardiva trasmissione delle dichiarazioni da parte degli intermediari Per la tardiva od omessa trasmissione delle dichiarazioni da parte dei soggetti abilitati all’invio telematico, ai fini...

Modalità di pagamento del ravvedimento

29.04.2011 14:28
Modalità di pagamento del ravvedimento Per usufruire del ravvedimento i versamenti vanno eseguiti, indicando gli appositi codici tributo: • con il modello F24, per le imposte sui redditi, le...

Presentazione della dichiarazione integrativa

29.04.2011 14:31
Presentazione della dichiarazione integrativa Nei casi in cui, ai fini del ravvedimento, è previsto l’obbligo di una dichiarazione integrativa, l’interessato deve presentarla a un ufficio postale o...

Il controllo delle dichiarazioni dei redditi da parte dell'agenzia delle entrate

29.04.2011 14:33
Il controllo delle dichiarazioni dei redditi da parte dell'agenzia delle entrate L’attività di controllo sulle dichiarazioni dei contribuenti, effettuata dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate, è...

Il controllo automatico: Le comunicazioni di regolarità e irregolarità

29.04.2011 14:40
Il controllo automatico: Le comunicazioni di regolarità e irregolarità   Le comunicazioni sono emesse a seguito di tre diversi tipi di attività: • il controllo automatico; • il controllo...
Oggetti: 1 - 10 di 57
1 | 2 | 3 | 4 | 5 >>

Poni un quesito pubblico sugli errori e le sanzioni tributarie con il form in fondo alla pagina

Data: 04.06.2013

Autore: Massimiliano

Oggetto: Perdita SRL sportiva dilettantistica

Buongiorno,
non so se questa discussione è a tema ma vorrei richiedere un parere di colleghi su una situazione che ho ereditato in questi giorni relativa ad una SRL sportiva dilettantistica.
La società con capitale sociale di € 10.000,00 ha chiuso il suo primo esercizio al 31/12/2011 con una perdita di € 21.000,00.
In questa situazione essendo la perdita non solo superiore ad 1/3 ma azzerando il capitale sociale e portando il patrimonio netto in negativo, seguendo gli articoli 2482-ter e 2447 c.c., l’amministratore avrebbe dovuto convocare con urgenza l’assemblea e le deliberazioni da prendere potevano essere solo 3:
1) Di operare sul capitale:
a) Azzerare il capitale sociale
b) Coprire le eventuali perdite eccedenti il capitale (capitale sottozero)
c) Riaumentare il capitale sociale ad almeno € 10.000,00
2) La trasformazione della società
3) La messa in liquidazione della stessa
Purtroppo nulla di tutto ciò è stato fatto. Il consulente che li ha seguiti fino ad ora ha presentato anche oltre i termini lunghi dei 180 giorni il bilancio al 31/12/2011, depositato il 25/02/2013 con l’assemblea di approvazione del bilancio in data 31/01/2013. Ma soprattutto, essendo la volontà dei soci quella di proseguire l’attività, l’assemblea non ha deliberato di operare sul capitale ma ha deliberato semplicemente di approvare il bilancio riportando a nuovo le perdite e che queste sarebbero state coperte con gli utili conseguiti nel bilancio 2012.
Cosa consigliate: di lasciare la situazione allo status quo e coprire la perdita con gli eventuali utili del 2012, e nel caso non siano sufficienti, deliberare di operare sul capitale nell’assemblea di approvazione del bilancio 2012; oppure si dovrebbe operare in altro modo.
Purtroppo non ho altre informazioni da dare sul bilancio 2012, perché teoricamente se ne dovrebbe occupare il vecchio consulente (siamo già oltre i termini ordinari peraltro!!!!), però visto quello che è successo per il 2011 vorrei rilevare subito anche il 2012 e presentare io il bilancio entro i 180 giorni per evitare che mi ripresenti un bilancio nuovamente con patrimonio netto negativo e senza deliberare di operare sul capitale.

Data: 31.05.2013

Autore: sergio

Oggetto: mancata denuncia pagamento imu

Buon giorno. per la compilazione del mio 730 mi sono rivolto a un caaf e l'incaricata quando le ho dato la ricevuta del pagamento dell'imu mi ha detto che non va trascritta sul modello 730.io sulle istruzioni leggo che invece e' obbligatorio metterlo.ora le chiedo chi ha ragione e nello specifico se e' prevista un eventuale sanzione per omessa trascrizione ed eventualmente di chi e' la responsabilita'.La ringrazio infinitamente le sarei grato se potesse darmi una risposta in tempi brevi

Data: 21.05.2013

Autore: Mary P.

Oggetto: interessi mutuo su abitazione principale

Due coniugi hanno acquistato casa al 50% ma il mutuo è intestato al 100% alla moglie (il marito è garante).
Ho erroneamente scaricato gli interessi al 50% fra i coniugi (mentre dovevano essere scaricati al 100% alla moglie).
Visto che ai fini delle imposte (essendo oneri detraibili) non c'è danno per l'Erario, mi chiedevo sé è possibile far valere la compensazione delle imposte pagate fra i due coniugi.
N.B. Non hanno presentato 730 congiunto, anzi il marito ha presentato Unico e la moglie il 730.
Grazie

Data: 04.05.2013

Autore: Andrea S

Oggetto: crediti da parte dell agenzia dell entrate.

salve , mi sono arrivate delle cartelle di pagamento dall agenzia dell entrate chiedo .. avendo dei crediti da parte della stessa si possono scalare , e come devo fare , grazie

Data: 21.04.2013

Autore: Luisa

Oggetto: Quadro recupero edilizio

Nel recupero edilizio(quadro E del 730)ho messo una cifra che dovevo dividere per 5).Mi spettava mettere un quinto di tale cifra.
Il 730 del 2012,l'ho presentato al CAF con questo errore.
Mi sono accorta solo adesso per il730 del2013 e non so cosa fare.Laciare come si trova per non fare un ulteriore errore,
oppure dovrò comunicare al CAF per correggere?

Data: 26.05.2013

Autore: Luisa

Oggetto: R: Quadro recupero edilizio

Chi deve fare il commento?

Data: 26.05.2013

Autore: luisa

Oggetto: R: Quadro recupero edilizio

Che cosa devo fare?
Devo ritornare al Caf per correggere,oppure lasciare le cose
come stanno per evitare ulteriori pasticci?.

Data: 26.05.2013

Autore: Luisa

Oggetto: R: Quadro recupero edilizio

Vorrei una risposta al mio quesito

Che devo fare?

Data: 26.05.2013

Autore: Luisa

Oggetto: R: Quadro recupero edilizio

Siccome l'errore fatto non è dipeso da me,ma dal Caf,e dato che il fisco non sa che la cifra del recupero dovrebbe essere divisa per 5,avrei deciso di soprassedere.Cioè di non fare alcuna correzione. per evitare dolorose conseguenze.

Data: 26.05.2013

Autore: Luisa

Oggetto: R: R: Quadro recupero edilizio

non capisco cosa significa nuovo bcommento.

chi lo deve fare?

Data: 18.04.2013

Autore: Anna F.

Oggetto: dichiarazione integrativa a sfavore del contribuente

Buonasera. Nel 2012 ho presentato la dichiarazione congiunta dei redditi 2011 con 730 al sostituto d'imposta, ricevendone il rimborso irpef risultante dalla compensazione del credito del coniuge dichiarante (mio marito) con il debito del dichiarante (io). Nel 2011 ho ereditato una parte di un immobile e di alcuni terreni, ma poichè la successione al 30/04/12 (termine di presentazione del 730 al sostituto d'imposta) non era ancora stata registrata, il notaio mi ha detto che non dovevo inserire in dichiarazione i redditi di questi beni. Solo ora ho saputo che dovrei fare una dichiarazione integrativa col mod. Unico. Posso farla solo io o, visto che il 730 era congiunto, deve farla anche mio marito? Il mod.Unico deve essere compilato per intero, o posso indicare solo i dati omessi nei rispettivi quadri ? Grazie mille.

Data: 14.04.2013

Autore: Gianni

Oggetto: Spese assistenza disabile

Per assistere il padre disabile, le spese per contributi e badante risultano pagate dalla figlia che, però, non possiede redditi. Può allora beneficiarne il genero, marito della figlia?

Data: 08.04.2013

Autore: Ginni

Oggetto: dimenticanza nella compilazione 730/2012

Buongiorno, mi sono accorto di aver dimenticato di compilare la colonna 1 del rigo E27 (Sezione II Quadro E) nella dichiarazione dei redditi mod. 730/2012.
In particolare non ho riportato l'ammontare dei contributi per la previdenza complementare esclusi dal sostituto. Immagino si tratti di un errore formale. cosa posso/devo fare?
Grazie

Data: 08.04.2013

Autore: Ginni

Oggetto: dimenticanza nella compilazione 730/2012

Buongiorno, mi sono accorto di aver dimenticato di compilare la colonna 1 del rigo E27 (Sezione II Quadro E) nella dichiarazione dei redditi mod. 730/2012.
In particolare non ho riportato l'ammontare dei contributi per la previdenza complementare esclusi dal sostituto. Immagino si tratti di un errore formale. cosa posso/devo fare?
Grazie

Data: 06.04.2013

Autore: Gianni

Oggetto: Errata indicazione oneri

Nell'indicazione dei contributi previdenziali versati per lavoro domestico sul modello Unico 2011 (per cui il credito non è ancora stato rimborsato), non si è detratta la quota di competenza della lavoratrice. E' mia intenzione segnalare l'errore all'Agenzia Entrate, ma sarò grato se potrò conoscere le eventuali sanzioni che potrebbero essermi addebitate. Grazie

Data: 01.04.2013

Autore: pagano carmela

Oggetto: errata isee

causa errata isee non ho potuto usufruire dei bonus sociali nell anno 2012.e possibile riottenere il maltolto in quando la responabilita e stata del patronato a cui mi sono rivolto.grazie per una risposta.

Data: 03.04.2013

Autore: Amin

Oggetto: R: errata isee

Il modello isee si può modificare. Non saprei se sia ancora possibile ottenere un nuovo conteggio in relazione alle singole prestazioni sociali agevolate richieste e ottenute. Questa domanda dovrebbe farla all'ente al quale si è rivolta per la prestazione (comune per l'asilo nido, telecom per il bonus del telefono ecc ecc ).

Data: 18.03.2013

Autore: Cristiana

Oggetto: restituzione detrazioni per figlio a carico

L'anno scorso ho dovuto restituire le detrazioni per un figlio che aveva lavorato da settembre in poi, ma vista la legge, ho dovuto restituire anche quelle per i mesi in cui non lavorava. Questo grazie a un controllo formale sui redditi 2008. Ho restituito la somma in due rate con f24. Ora mi chiedo se è possibile scaricare questa spesa dal 730/2013. Magari è una domanda idiota, ma ci provo. Grazie

Data: 19.03.2013

Autore: Admin

Oggetto: R: restituzione detrazioni per figlio a carico

Non è una domanda idiota. Purtroppo non potrà utilizzare ciò che ha restituito in seguito a controllo formale sui redditi passati come spesa deducibile o detraibile dal reddito.

Data: 08.03.2013

Autore: luciana brambilla

Oggetto: omissione agevolazione prima casa

Nel 1992 all'atto del rogito il notaio ha registrato l'atto di acquisto del mio appartamento applicando la tassazione come fosse seconda casa. Non conoscendo la materia, non mi sono mai accorta dell'errore fino ad oggi, momento in cui vorrei rendere pertinenziale un box acquistato.
Io non ho alcun altro appartamento e vorrei poter usufruire delle agevolazioni fiscali nonchè sistemare questa situazione.
Grazie

Data: 08.03.2013

Autore: luisa

Oggetto: sanzione comproprietario

Buongiorno il 10 /10/2012 mio fratello ha ricevuto un avviso di accertamento per redditi 2007 ( unico 2008) da locazione di due contratti in comproprietà con la moglie; ha presentato istanza di autotutela e nella risposta ricevuta nel 2013 viene richiesta l'intera quota . E' possibile richiedere una quota totale ad un comproprietario , anche se in comunione di beni?
Grazie

Data: 08.03.2013

Autore: Admin

Oggetto: R: sanzione comproprietario

Probabilmente il signore avrà registrato il contratto di locazione a suo nome, senza inserire il nome della comproprietaria (sua moglie) e l'agenzia delle entrate (probabilmente il centro operativo di pescara) avrà visto l'incongruenza tra il contratto registrato con un solo nome e il modello unico in cui dichiarava soltanto la metà di sua proprietà.
In quanto titolare del 50% dell'immobile doveva dichiarare soltanto la metà del canone di locazione e su tale quota pagare l'irpef. L'altra metà doveva essere dichiarata dalla moglie comproprietaria.
La stessa agenzia delle entrate si è così pronunciata nella risoluzione 349/E dell 22 ottobre 2008, richiamando quanto previsto dall'articolo 26 del TUIR.

Data: 20.02.2013

Autore: claudia

Oggetto: non mi hanno trattenuto a novembre 2010 un acconto

Salve, purtroppo per un altro tipo di errore mi è arrivata una multa e controllando la stessa dichiarazione dei redditi mi son accorta che a novembre del 2010 avrei dovuto versare un acconto di 207euro per l'anno dopo che non mi è stato fatto. Sul 730 dell'anno dopo quindi 2011 il caf ha tenuto in considerazione la cosa o avrebbe dovuto??adesso devo far qualcosa io che me ne son accorta?o aspetto che mi arrivi una notifica?cosa conviene fare? grazie per l'aiuto

Data: 20.02.2013

Autore: Admin

Oggetto: R: non mi hanno trattenuto a novembre 2010 un acconto

Il caf, nel compilare il modello 730, deve sempre considerare gli acconti già versati dal contribuente.
Non avendolo visto non lo avrà considerato. Di solito chi compila la dichiarazione dei redditi guarda gli f24 relativi al versamento degli acconti per capire se sono stati versati o meno.
Non avendolo versato non esisteva nessun modello f24; un caf scrupoloso non avrebbe dovuto conteggiarlo.
In ogni caso occorre:
1) capire cosa le contestano nell'avviso di accertamento
2) recarsi al caf dove ha compilato il modello e capire cosa è successo e di chi sono le responsabilità.

Data: 12.02.2013

Autore: alessio

Oggetto: errore unico

Salve a tutti 10 anni fa ho aperto una partita iva come procacciatore d'affari. Ho lavorato un mese senza incassare nulla, poi sono passato a lavoratore dipendente. Un tutti questi anni ho sempre fatto il 730,oggi ho scoperto che avrei dovuto fare l'unico. Mi sapete dire a quali sanzioni sono soggetto? Grazie mille.

Data: 13.02.2013

Autore: Admin

Oggetto: R: errore unico

Si tratta di una partita iva inattiva. L'importo della sanzione per omessa dichiarazione varia tra 516 e 2.065 euro. Se il contribuente, una volta ricevuto l'avviso, provvede a pagare la somma dovuta entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione, l’ammontare della sanzione dovuta è ridotto ad un terzo del minimo, pari a 172 euro.

Data: 07.02.2013

Autore: anna 17

Oggetto: chiedo come fare per risolvere problema non creato da me su carico fiscale di coniuge ma fatto da caf

ho chiesto ad in caf di fare 730, ho marito disoccupato ma che presenta mod.unico( ag.entrate,) perchè prende come me affitto di ufficio in conproprieta con me,il caf me lo ha messo a carico ed ora accorgendosi del fatto mi riferisce che debbo pagare un mucchio di soldi in piu per detrazione di euro 690,00 avute. ho il mutuo da pagare ,l'affitto di abitazione, sono dipendente pubblica (1056,00) sono disabile, come e cosa posso fare io ho sempre fatto tutto regolarmente ...per favore mi date una risposta

Data: 08.02.2013

Autore: Admin

Oggetto: R: chiedo come fare per risolvere problema non creato da me su carico fiscale di coniuge ma fatto da caf

se suo marito supera il reddito per essere considerati fiscalmente a carico non è possibile fare nulla.
Occorre verificare correttamente questo punto.
Nell'ipotesi che suo marito non sia a carico procederà al versamento delle imposte dovute e non versate, compresi interessi e sanzioni.
Sulle responsabilità (sue o del caf che ha fatto la dichiarazione dei redditi mod 730 ) non mi pronuncio poichè non sono a conoscenza di come si sono svolti i fatti.

Data: 30.01.2013

Autore: aniello

Oggetto: errore di battitura del codice del comune di appartenenza nel pagamento dell'imu

errore della banca nel digitare il codice del comune nel pagamento acconto dell'imu codice ben evidenziato sull' f24 consegnatomi dal comune di appartenenza e timbrato , poi , dalla banca stessa con dicitura di pagamento effettuato. in questi casi come comportarsi? risponde personalmente la banca dell'errore avendo le dovute documentazioni che accertano palesemente l'errore causato dalla banca stessa? cosa che mi è stata detta verbalmente dall' operatore della banca.

Data: 01.02.2013

Autore: Admin

Oggetto: R: errore di battitura del codice del comune di appartenenza nel pagamento dell'imu

il suo caso è già stato affrontato dal Dipartimento delle finanze nella Risoluzione 13 dicembre 2012, n. 2/DF.
Il punto 5 affronta il caso di rrrata indicazione del codice catastale da parte dell’intermediario. Lo riporto integralmente:

Può accadere che l’intermediario (banca, Poste, agente della riscossione), presso il quale è stato presentato il modello F24, riporti in maniera errata il codice catastale del Comune ove situato l’immobile, indicato dal contribuente nel modello F24.
In questo caso, l’intermediario, su richiesta del contribuente, secondo le vigenti disposizioni, deve richiedere l’annullamento del modello F24 che contiene l’errore e rinviarlo con i dati corretti. In questo modo, la Struttura di gestione dell’Agenzia delle entrate è in grado di sistemare la base informativa, trasmettere ai Comuni interessati i dati degli annullamenti e delle operazioni corrette, nonché effettuare le relative regolazioni finanziarie.
Il contribuente terrà informato il Comune interessato dell’avvenuta operazione, nelle forme ritenute più idonee.

<< 1 | 2 | 3 | 4 | 5 >>

Nuovo commento

 CONDIVIDICI

OGNI CONDIVISIONE CI RENDE PIU' VISIBILI

Admin

News E&S

Misura degli interessi nel caso di accertamento con adesione

22.06.2011 12:34
Misura degli interessi nel caso di accertamento con adesione Domanda L’art. 6 del decreto 21 maggio 2009 ha disposto che “… A decorrere dal 1 gennaio 2010 sono stabiliti al tasso del 3,5 per cento annuo gli interessi relativi alle somme dovute a seguito di: … d) accertamento con adesione di cui...

Scomputo delle sanzioni versate a titolo di ravvedimento

22.06.2011 12:33
Scomputo delle sanzioni versate a titolo di ravvedimento Domanda In ipotesi di violazioni commesse in più periodi di imposta, è deducibile dalla sanzione irrogata nell’ultimo atto emesso, con applicazione del cumulo giuridico per avvenuta continuazione su più annualità (eventualmente da...

Versamento rateizzato del ravvedimento operoso

22.06.2011 12:32
Versamento rateizzato del ravvedimento operoso Domanda Alla luce delle modifiche apportate dalla legge di stabilità alla disciplina del ravvedimento operoso si chiede di conoscere se sia possibile, come sembrerebbe in base al dettato letterale della norma, procedere alla effettuazione del...

Regolarizzazione in caso di omessa fatturazione di operazioni imponibili

22.06.2011 12:29
Regolarizzazione in caso di omessa fatturazione di operazioni imponibili Domanda Qualora l’omessa fatturazione di operazioni imponibili venga regolarizzata nell’anno successivo, ma entro il termine di scadenza per la presentazione della dichiarazione annuale, ai sensi della lett. b) dell’art. 13,...